Storia

Dalmine SpA

La storia del quartiere è una parte della storia di Dalmine. L’azienda siderurgica, che qui sorse all’inizio del secolo, ha promosso e visto crescere attorno a sé nuovi quartieri. Le famiglie, provenienti dalla bergamasca e dalle varie regioni d’Italia, erano richiamate dalla possibilità di trovare un’occupazione e un futuro migliore per i propri figli.

Don Piazzoli

In questo sviluppo si inserì, con originalità, la pastorale del primo parroco di Brembo, Don Giacomo Piazzoli, che capì e diede concretezza ai sogni di molte di queste famiglie di avere una casa presso la grande azienda dove lavoravano.

Campagne di Sforzatica

Il territorio dell’attuale quartiere Brembo, denominato fino agli anni ’50 “Campagne di Sforzatica”, rivela anche nel nome la sua storica destinazione agricola.

1949: nascita

Il Vescovo di Bergamo, Mons. Bernareggi, ascoltò la richiesta della gente sparsa per quelle cascine inviando nel 1949 un sacerdote, così da scrivere : “La nuova Parrocchia è stata pensata da me, decretata da me, per cui la considero una creatura mia”. La Parrocchia trovò ospitalità nella centenaria chiesetta della famiglia Pesenti. Con la partecipazione attiva della gente, non solo don Piazzoli diede avvio a diverse opere sociali e ad una nuova chiesa, ma la Parrocchia promosse anche lo sviluppo di un intero quartiere, tanto che oggi Brembo è uno dei più popolati di Dalmine. Il Comune integrò queste opere con proprie iniziative.

Museo

Nel 1967 prese avvio la sezione di Brembo degli Amici del Presepio, che realizzò a partire dal 1974 il Museo permanente del Presepio.

Missionari

La vocazione missionaria della Parrocchia si manifestò sin dall’inizio con un vescovo missionario (Mons. Maggi), continua con gli attuali religiosi e si esprime con campagne di lavoro nelle terre di missione.

Progetti

I progetti per offrire in futuro nuovi servizi alla comunità per l’azione pastorale della Parrocchia e per il quartiere concludono il racconto.